Uno degli interventi molto richiesti e complicati da risolvere senza idonea strumentazione è la ricerca di una perdita di una tubazione interrata che sia gas o acqua….

7 + 2 =

Già…spesso siamo chiamati perché un certo proprietario di una villetta a schiera per esempio ha il contatore che gira continuamente nonostante in casa abbia tutte le utenze chiuse…

Questo è il caso tipico di una perdita della tubazione interrata che parte dal contatore esterno alla proprietà e arriva in casa del povero malcapitato che si è già visto recapitare una mega bolletta di consumo Acqua…

Prima di andare avanti sappiate che il gestore della rete idrica vi permette di scorporare il costo dell’acqua inutilizzata per una sola volta nella vita del vostro contratto inviando una semplice specifica pratica a riparazione effettuata, basta “googlare”: storno del consumo dell’acqua per una perdita e avrete la soluzione oppure chiamate il vostro gestore per sapere quali documenti produrre ai fini dello storno… almeno il malcapitato in questo modo riesce a respirare …. e non sto scherzando perché chi le ha ricevute sa benissimo che le bollette per un consumo anomalo di acqua a causa di una perdita sono paragonabili ad un film dell’orrore dell’ultimo grido !!!! (scusate il gioco di parole ma fa capire bene di che si tratta no?)

E dunque…. una volta accertata la perdita come possiamo intervenire per rintracciarla senza procedere alla maniera tradizionale? Una ditta procederebbe scavando a mano in quanto non può procedere con mezzi meccanici perché spesso non è possibile diversamente valutata l’eventuale presenza di vari sottoservizi comuni o singoli che potrebbero esser danneggiati o tranciati dall’escavatore aumentando non di poco il costo finale della riparazione a carico del cliente. In ogni caso lo scavo a mano deve iniziare dal contatore e ripercorrere tutta la tubazione fino a trovare la perdita!!! Beh un’impresa coraggiosa diremo noi…In quanto oltre a devastare tutto il giardino o la pavimentazione man mano che si va avanti costa anche molto …. si perché sapete quanto può costare uno scavo a mano del genere della profondità di circa 100 cm per ogni metro di scavo a mano eseguito? Ve lo dico io il costo è di circa 80-100 euro al metro lineare!! Il povero malcapitato potrebbe avere la perdita a 10 – 20 metri dal contatore… beh i conti fateli voi che a me viene da piangere!!!!

Oppure lo possiamo fare noi!!! Si trovando il punto preciso della perdita…poi farete scavare il vostro idraulico…semplice riparazione e il gioco sarà fatto!!

Per prima cosa dobbiamo sapere dove passa la tubazione e a che profondità si trova..e poi se la perdita è forte possiamo localizzarla con l’ascolto amplificato della tubazione…

Quindi come procediamo? Calma e sangue freddo!!

Prima di tutto dobbiamo sapere dove passa il tubo che dobbiamo controllare e quale profondità dal nostro piano di calpestio si trova….

Come possiamo farlo? Con un particolare sistema di tracciamento delle tubazioni chiamato sommariamente “cercaservizi” ….una grande ed eccezionale macchina che alimenta le tubazioni con una corrente a bassa tensione e con una speciale frequenza in ogni caso non pericolosa che poi viene rintracciata in superficie da uno speciale strumento…che ci indica con un segnale sonoro e visivo dove si trova il tubo che stiamo cercando e a che profondità si trova!!!

Bene fatto questo poi cosa facciamo?

Se la perdita è di una determinata entità la tubazione spesso emette un particolare rumore che viene da noi ascoltato con una macchina chiamata “geofono” che traccia ed ascolta i rumori del sottosuolo e laddove il rumore prodotto dalla perdita sulla tubazione tracciata sarà maggiore …beh…forse non ci credete ma la perdita sarà proprio li!!!

Non è certamente semplice da fare ma con una certa esperienza si riesce ad evitare falsi o errori in quanto spesso le tubazioni vibrano per altri motivi quindi bisogna considerare svariati fattori che possono portare ad un falso (diametro tubazione, tipologia di tubazione che perde, profondità, tipo di fluido portato, pressione del fluido, dimensione presunta del forno o della perdita…) insomma un bel lavoro sporco per noi…ma la nostra esperienza ci aiuta a non sbagliare e a distinguere dove è meglio proceder allo scavo per risolvere il problema evitando al massimo i falsi positivi…..

Si come sempre gli strumenti aiutano l’operatore che resta sempre la figura più importante …..

Se invece la perdita è lieve o si trova ad un eccessiva profondità in un terreno particolare che non ci permette di udire il tumore della stessa in superficie l’unica strada da seguire è l’utilizzo dei gas traccianti.

I gas traccianti sono una miscela di gas contenente una minima percentuale di idrogeno…+

Perché l’idrogeno?

Perché è il gas che meglio attraversa tutti i materiali edili… e sale in maniera verticale … si perchè molto “sottile” e passa attraverso calcestruzzo, pavimenti, massetti…. insomma un supereroe che passa attraverso quasi tutto e ci da una bella mano a risolvere il nostro problema…

Già i gas traccianti sono una particolare tecnica che ci permette di inserire un gas composto in una percentuale minima di Idrogeno che esce capillarmente dalla perdita del tubo e risale in maniera verticale in superficie…e noi saremo li pronti a captare anche la milionesima parte di Idrogeno con un particolare strumento…. beh dove lo strumento suonerà…. scaviamo tranquillamente la perdita è li sotto!!!!

Sapete cosa ci sta dietro quel muro dove si vede l’apertura a terra del tubo rotto da noi trovato!!

Ci sta il bagno del vicino di casa che è stato completamente smantellato prima del nostro intervento….!!! Da impazzire vero!!! Il povero ragazzo dovrà spendere migliaia di euro per un rifacimento completo di un bagno che non perdeva!!!! Era il tubo del vicino a perdere!!!

Allora… se avete un problema chiamateci vi faremo un preventivo gratuito e statene certi comunque vada sarà un bene per voi!!!!

[contact-form-7 id=”706″ title=”Modulo di contatto 1″]